18 Ottobre 2022

RURALBANIA

#areeinterne #agricoltura_sociale #sostenibilità
Condividi

IL PROGETTO

Sostenere e valorizzare le produzioni agricole tradizionali per lo sviluppo sostenibile delle aree rurali albanesi. È questo l’obiettivo del progetto triennale RURALBANIA, finanziato da AICS - Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e promosso da Volontari nel Mondo RTM in partenariato con Cia-Agricoltori Italiani e Regione Emilia-Romagna.

L’intervento sostiene le autorità e la società civile albanese nell’attuazione dell’Agenda 2030, con riferimento all’OSS n.2 e alla promozione di un’agricoltura sostenibile (Target 2.3). In tal senso, RURALBANIA favorisce anche il percorso di adesione dell’Albania all’Unione europea, di cui l’adeguamento alla Pac rappresenta un tassello fondamentale.

OBIETTIVO

RURALBANIA intende aumentare il reddito dei piccoli produttori agricoli del Nord Albania attraverso l’accesso a nuovi servizi di assistenza agricola e rurale in linea con le migliori pratiche europee, grazie a opportunità di formazione professionale qualificata sulle produzioni agricole e a risorse produttive sostenibili e mercati locali.

Nello specifico, il progetto vuole aumentare la produttività e il valore aggiunto conseguito dalle aziende agricole di montagna a conduzione familiare, in particolare gestite da donne, giovani e migranti di ritorno, operanti in filiere ad alto potenziale (apicoltura, piccoli frutti di montagna, frutteti e allevamento ovi-caprino) delle Regioni di Scutari, Dibra e Kukes.

ATTIVITÀ CON CIA-AGRICOLTORI ITALIANI

Con l’obiettivo di rafforzare i servizi di assistenza agricola e rurale disponibili per i piccoli produttori nelle aree montane delle Regioni di Scutari, Dibra e Kukes, il progetto prevede: formazione su buone prassi europee in materia di Centri di Assistenza Agricola per associazioni di categoria e istituzioni albanesi, percorso messo in campo con il CAA-Cia; l’avvio di 3 Centri di Assistenza Agricola e Rurale (CAAR) pilota; una campagna nazionale di advocacy istituzionale sull’importanza dei centri di assistenza agricola e della partnership pubblico-privata per lo sviluppo delle aree rurali svantaggiate.

Per accrescere l’accesso alla formazione professionale qualificata in campo agricolo da parte di piccole aziende agricole operanti in filiere tradizionali, il progetto prevede: aggiornamento professionale e assistenza tecnica per formatori dei servizi di assistenza agricola, realizzato con l’Associazione Agricoltura è Vita; formazione e consulenza per piccole aziende agricole; corso di aggiornamento e consulenza per aziende agrituristiche in risposta alla crisi da Covid-19.

Il CONTESTO

Il territorio albanese è prevalentemente montuoso e oltre il 40% della sua superficie è utilizzata per l’agricoltura, uno tra i più importanti settori economici del Paese e fonte di reddito per la maggioranza della popolazione. La produzione agricola è aumentata significativamente nell’ultimo decennio. Tuttavia, la bassa produttività rimane un ostacolo per una crescita sostenibile, visto che l’Albania importa ancora quantità significative di prodotti agro-alimentari. Delle circa 350.000 aziende agricole presenti, l’86% è rappresentato da piccoli produttori con meno di 2 ettari disponibili. Gli indicatori macroeconomici disponibili indicano le zone remote del Nord come le aree più arretrate del Paese. I piccoli produttori sono costretti ad operare molto spesso nell’informalità, rendendo difficile un loro accesso a sussidi, schemi nazionali ed europei di sostegno al settore. A livello nazionale solo il 6.5% è a conduzione femminile, ma si stima che questo dato sia notevolmente inferiore nelle aree target, dove l’influenza della cultura patriarcale è maggiore rispetto al resto del Paese.

RURALBANIA è un progetto triennale (2022-2025) per le aree montane del Nord Albania (Scutari, Kukes e Dibra). È donor dell’iniziativa AICS - Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, mentre è capofila del partenariato Volontari nel Mondo RTM. Sono partner italiani: Cia-Agricoltori Italiani e Regione Emilia-Romagna. Per l’Albania: ADAD Malore - Association of Agricultural Development of Mountain Regions; AP - Agropuka; AREB - Agenzia regionale per l’Assistenza Agricola e ANRD - Albanian Network for Rural Development.


Seguici su