22 Settembre 2023 | dal Territorio

Vendemmia: Cia Grosseto, in Maremma annata tra luci e ombre

#viticoltura #clima #produzione #vino
Condividi

I cambiamenti climatici richiedono nuove strategie agronomiche e nuove spese per gli agricoltori

“La vendemmia del 2023 ha presentato una serie di sfide complesse e intricate, prevalentemente dovute a fattori meteorologici. L'accumulo di giorni piovosi in tarda primavera ha reso estremamente difficile la gestione delle malattie fungine nella vite” ha dichiarato il vicepresidente di Cia-Agricoltori Italiani Grosseto Edoardo Donato.

Successivamente, un prolungato periodo di siccità ha provocato uno stress idrico alle piante, rallentando significativamente la loro fisiologia e compromettendo l'accumulo di sostanze fondamentali come lo zucchero e altre componenti cruciali per la pianta. In questo contesto, è emersa la necessità di irrigare maggiormente i i vigneti e questo è un evidente segnale di cambiamento climatico, in quanto l'irrigazione, precedentemente considerata un'opzione di emergenza, è diventata un metodo agronomico indispensabile in stagioni come questa, per sostenere la crescita armoniosa delle viti.Un ulteriore elemento che ha influenzato la stagione è stato un periodo di venti di Tramontana protrattasi per due settimane, che ha ulteriormente asciugato l'uva, diminuendo la quantità e concentrando gli zuccheri.

"Nonostante tutte queste sfide -continua il vicepresidente Donato- è importante sottolineare che la qualità complessiva dell'uva in Maremma non è stata compromessa, e la quantità in alcune zone è rimasta in linea con gli anni precedenti".

Tuttavia, è innegabile che tutte queste difficoltà abbiano aumentato i costi di gestione e di lavoro nei vigneti. Gli agricoltori e viticoltori sono stati infatti costretti a intervenire ripetutamente in tarda primavera con prodotti per la difesa dalle malattie fungine, oltre a sostenere ulteriori spese per l'irrigazione. 

"L'aumento dei costi, inclusi il tempo dedicato al lavoro e l'uso di carburante, non potrà essere completamente compensato dal mercato, perché - spiega Donato- a differenza di altri settori, il valore del prodotto agricolo non è determinato dalla somma dei costi e della marginalità, ma viene stabilito dal mercato stesso che purtroppo oggi è stabile e tutti i costi che sono in più vanno ad incidere sul guadagno dell'agricoltore. Questi aumenti dei costi non riguardano solo la fase di coltivazione ma si estendono anche alla fase di trasformazione e alle cantine. Come si può dunque comprendere-conclude con amarezza- mette a repentaglio il reddito degli agricoltori".


Seguici su