27 Febbraio 2024 | News

Ue: Cia, proposta italiana è buona ma il fattore tempo è determinante

#agricoltura
Condividi

L'intervento del presidente Fini alla conferenza stampa del ministro Lollobrigida al Masaf

Dalla semplificazione della Pac alle proteste dei trattori e alla fauna selvatica. Questi alcuni dei temi sollevati dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani, Cristiano Fini, nel corso del suo intervento alla conferenza stampa odierna del ministro Francesco Lollobrigida al Masaf. “La proposta italiana portata a Bruxelles è condivisibile -ha dichiarato Fini- e contiene molte istanze che sono da tempo cavallo di battaglia della nostra associazione. Riteniamo, dunque, possa portare benefici al mondo agricolo, che non può più aspettare. A questo punto il fattore tempo è, però, determinante. Serve concretezza per invertire il trend fortemente negativo in atto nel settore”.

Secondo Cia, il tema della semplificazione è prioritario, una revisione della Pac non si può dissociare dallo smaltimento del pesante carico burocratico che la contraddistingue. “Sugli eco-schemi sono stati commessi degli errori e bisogna intervenire in emergenza. Dobbiamo ascoltare le voci della protesta a livello europeo, il malessere cui assistiamo viene da lontano -prosegue Fini-. Rispetto al tema del debito siamo d’accordo con la proposta del ministro sulla moratoria europea per gli agricoltori e auspichiamo un intervento anche a livello nazionale sui mutui. Le nostre aziende hanno sofferto il terribile impatto negativo del climate change e ora hanno meno risorse dalla Pac rispetto al passato per farvi fronte”. Cia è, inoltre, favorevole a proseguire con il quadro temporaneo per gli aiuti di Stato, prevedendo maggiori margini di manovra economica per dare un sostegno concreto alle aziende”.

Sulla questione fauna selvatica e gestione ungulati, Cia ritiene sia giunto il tempo di superare l’impasse che si è creata: bisogna intervenire sia a livello europeo che a livello governativo e regionale. “A Bruxelles si deve invertire il paradigma che punta a raggiungere obiettivi di sostenibilità ambientale mettendo in secondo piano il mondo produttivo agricolo -chiosa Fini-. Chiediamo a tutte le istituzioni un approccio che non sia più ideologico ma solo scientifico, altrimenti non raggiungeremo alcun risultato e causeremo lo spopolamento delle nostre campagne, creando in quel modo un vero danno ambientale ai territori”.


Seguici su