01 Giugno 2023 | News

Ue: Cia, con ok a riforma IG ancora più tutele per gli agricoltori

#qualità #agricoltura #cibo #europa #istituzioni #normative #prodottitipici #vino
Condividi

L’organizzazione soddisfatta per il nuovo via libera in Plenaria del Parlamento

Adesso a lavoro su negoziati rapidi e proficui per dare all’Europa e all’Italia il nuovo regolamento delle Indicazioni Geografiche, entro l’inizio del prossimo anno. Il parere favorevole, a larga maggioranza, di oggi in Plenaria del Parlamento Ue, alla proposta di riforma già approvata in Comagri, rappresenta un passo importante verso un modello agroalimentare europeo più solido, a tutela degli agricoltori e orientato alla qualità. Così Cia-Agricoltori Italiani esprimendo soddisfazione per l’approvazione di una norma finalmente a favore del settore e sottolineando, nuovamente, la validità del testo come strumento di maggiore tutela per Dop e Ipg, anche del comparto vitivinicolo, più snello e semplice nelle procedure, realmente innovativo quanto a trasparenza e sostenibilità.

Da parte di Cia, dunque, l’appello alle istituzioni in Europa affinché con i Triloghi, al via il prossimo 7 giugno, si rispetti l’impalcatura portante della riforma, sostenuta dall’organizzazione e strategica per l’Italia che nel panorama delle IG è il primo Paese al mondo con 883 denominazioni, tra cibo e vino, e un valore complessivo alla produzione di 19,1 miliardi di euro.

In particolar modo apprezzate da Cia, le misure del dossier che mirano a rafforzare la protezione delle IG online e sui nomi dei domini, nell’uso delle Indicazioni Geografiche come ingredienti e contro lo sfruttamento indebito della reputazione delle stesse, al tempo stesso attribuendo un ruolo chiave ai gruppi di produttori nei Consorzi con il riconoscimento di più poteri e responsabilità. Intoccabile il “pacchetto vino” che nella proposta del Parlamento mostra di rispettare le specificità del settore vitivinicolo. Bene, anche l’inquadramento più chiaro della Commissione Ue che resta centrale dal punto di vista amministrativo, e quello dell'Ufficio dell’Unione europea per la Proprietà Intellettuale, l’EUIPO, che nella gestione dei marchi ha compito più consultivo e tecnico.

Necessario e, quindi, positivo per Cia, anche il processo di semplificazione delle procedure di approvazione e modifica dei disciplinari di produzione, portando da sei a cinque mesi il tempo a disposizione della Commissione per la registrazione di una nuova IG, limitando a tre mesi il periodo di proroga e solo in casi debitamente giustificati, ma anche affidando alle autorità nazionali le pratiche delle richieste di modifica delle registrazioni esistenti, senza nuovo controllo da parte della Commissione Ue.

L’approccio innovativo della riforma IG nel richiamo ai principi di trasparenza e sostenibilità, strettamente collegati, trova l’accordo di Cia, favorevole all’accesso da parte dei consumatori alle relazioni sulla sostenibilità unica delle IG, ma soprattutto garantendo ai produttori il carattere volontario degli impegni, su disciplinari o documenti specifici.

“Finalmente è stata approvata una riforma che vede sempre più tutelati gli agricoltori e che apprezziamo in tutta la sua interezza -dichiara il presidente nazionale di Cia, Cristiano Fini-. Ringraziamo per questo l’On. Paolo De Castro per la determinazione e il lavoro di squadra che permetterà nel tempo di rafforzare il sistema delle IG, puntando a una sua maggiore competitività e capacità di creare valore, salvaguardando la sostenibilità complessiva delle aziende, promuovendo le tradizioni regionali e lo sviluppo delle comunità rurali”.


Seguici su