21 Febbraio 2023 | News

Superbonus: Caf-Cia, cessione e sconto possibili se già autorizzati

#normative
Condividi

I chiarimenti per i cittadini, preoccupati dopo le ultime novità del decreto

C’è molta preoccupazione tra i contribuenti rispetto alle novità per il superbonus introdotte del recente decreto. Occorre far chiarezza perchè non tutti ne saranno coinvolti. Chi, ad esempio, ha già in corso i lavori che rientrano nelle diverse misure di intervento edilizio beneficiarie delle agevolazioni fiscali e dei meccanismi di cessione/sconto in fattura del credito corrispondente, non ha nulla da temere”. Così in una nota il presidente del Caf-Cia, Nicola Antonio Sichetti, che spiega: “Un provvedimento calato dall’oggi al domani che ha ricevuto più critiche che apprezzamenti. Il cittadino, però, deve avere la giusta informazione, altrimenti le preoccupazioni si allargano a macchia d’olio anche quando non ve ne è bisogno”.

In dettaglio, sottolinea la nota del Centro di assistenza fiscale di Cia-Agricoltori Italiani, a decorrere dal 17 febbraio, in relazione agli interventi di: recupero del patrimonio edilizio, efficientamento energetico degli edifici, adozione di misure antisismiche, recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti, installazione di impianti fotovoltaici, installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici e superamento ed eliminazione di barriere architettoniche, non è più consentito lo sconto in fattura o la cessione del credito.

Possono, comunque, fruire delle medesime opzioni (sconto in fattura e cessione del credito), gli interventi di efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico ed installazione delle colonnine di ricarica di veicoli elettrici, iniziati o da iniziare, coloro che alla data del 17 febbraio si trovano nelle sottoelencate condizioni:

  • per gli interventi diversi da quelli effettuati dai condomìni, risulti presentata la comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA);
  • per gli interventi effettuati dai condomìni, risulti adottata la delibera assembleare che ha approvato l’esecuzione dei lavori e risulti presentata la comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA);
  • per gli interventi comportanti la demolizione e la ricostruzione degli edifici, risulti presentata l’istanza per l’acquisizione del titolo abilitativo.

Gli interventi che non rientrano tra quelli inerenti l’efficientamento energetico, il sisma bonus, l’installazione di impianti fotovoltaici e l’installazione delle colonnine di ricarica di veicoli elettrici, iniziati o da iniziare, che alla data del 17 febbraio si trovano nelle sottoelencate condizioni, continuano a beneficiare della cessione del credito e dello sconto in fattura se:

  • risulti presentata, se necessario, la richiesta del titolo abilitativo;
  • per gli interventi per i quali è prevista la presentazione di un titolo abilitativo, siano già iniziati i lavori;
  • risulti regolarmente registrato il contratto preliminare, ovvero stipulato il contratto definitivo di compravendita dell’immobile, nel caso di acquisto di unità immobiliari.

Le altre disposizioni del decreto, composto di soli tre articoli, riguardano l’impossibilità per gli enti locali di acquistare i crediti edilizi e l’assai importante discarico di responsabilità dell’acquirente i crediti in commento o dell’impresa che ha applicato lo sconto in fattura, nell’ipotesi in cui si sia atteggiata in buona fede e che sia in possesso di documentazione specificatamente prevista nel decreto stesso (titoli edilizi, notifica alla Asl, prove foto e video dell’esecuzione dei lavori, visure catastali, visto di conformità, asseverazioni.


Seguici su