17 Giugno 2024 | News

Ruralbania: Cia, inaugurati i centri di assistenza agricola a Dibër e Kukës

#formazione #agricoltori #agricoltura #areeinterne #assistenza #europa #territorio
Condividi

Risultato importante per il progetto di RTM Volontari nel mondo con la Confederazione partner. Incontro istituzionale con il viceministro dell’Agricoltura albanese, Dhimitër Kote

Inaugurati nelle cittadine di Dibër e Kukës i primi due centri di assistenza agricola e rurale (CAAR) d’Albania: sono il risultato atteso, e frutto di un importante lavoro sul campo, del progetto triennale RURALBANIA, con Cia-Agricoltori Italiani partner al fianco di RTM Volontari nel Mondo e AICS ente finanziatore.

Per Cia, parte attiva nella creazione e nello sviluppo dell’iniziativa, ha giocato un ruolo chiave il CAA confederale e la sua Associazione per la formazione, la ricerca e divulgazione, Agricoltura è Vita. In particolare, di nuovo tra i futuri operatori a supporto tecnico qualificato degli agricoltori, Pasquale Plicato, esperto del CAA-Cia, che con l’inaugurazione dei due centri nell’entroterra albanese a inizio giugno, ha concluso la seconda missione di monitoraggio e supporto all’avviamento dei CAAR. Tre, in realtà, i centri pilota, l’ultimo di prossima apertura, che già a regime svolgono attività di servizio, formazione, consulenza e assistenza alle aziende agricole e agrituristiche, in un’ottica sinergica e cooperativa con gli enti pubblici competenti.

Mese dopo mese, tra videoconferenze e incontri sul posto, in aula e in azienda, RURALBANIA ha di fatto definito un modello e costruito insieme alle associazioni agricole locali strategie e strumenti a servizio dell’agricoltura albanese e allo stesso tempo strategici alla tenuta e allo sviluppo delle aree interne e rurali d’Albania, puntando sul valore delle loro produzioni tipiche. Nulla di nuovo per Cia che di questo approccio fa la sua missione.

Una proposta e una soluzione operativa che si è inserita positivamente nel territorio albanese, tra le associazioni coinvolte, gli agricoltori stessi, ma anche le istituzioni, attraverso l’incontro con il viceministro dell’Agricoltura e dello Sviluppo rurale albanese, Dhimitër Kote, che hanno espresso pieno sostegno al progetto, riconoscendo il valore del contributo fornito ai piccoli produttori agricolo e il potenziale dell’iniziativa per il futuro agricolo del Paese.

A oggi i due CAAR, di Dibër e Kukës, sono in grado di sostenere gli agricoltori di zona fornendo prima assistenza e consulenza, hanno attivato il censimento delle aziende del territorio e rappresentano già un punto di riferimento valido, grazie a personale competente e disponibile. Vengono aiutati gli agricoltori nella presentazione di domande di aiuto, nello sviluppo di piani aziendali e nella cooperazione tra imprese agricole. Con attenzione particolare all’Europa, viene favorita una visione sistemica della gestione aziendale rispetto, in primo luogo, agli standard di qualità, e quindi anche l’introduzione di tecnologia nel settore e di modelli di commercializzazione dei prodotti. Infine, obiettivo principale, i CAAR sono già strategici nel combattere l’abbandono delle zone più marginali, e in difficoltà, del Paese.