26 Giugno 2023 | dal Territorio

Pnrr: Cia Veneto, primi bandi Masaf portano in regione oltre 178 mln di euro

#agricoltura #bando #sostenibilità
Condividi

I dati presentati in occasione del convegno, organizzato dalla Confederazione, a Villorba

Le 62.251 aziende agricole venete potranno autoprodurre energia da fonti rinnovabili utilizzando i propri fabbricati grazie ad un finanziamento a fondo perduto, riconducibile al Pnrr, che copre fino all’80% della spesa (con una dotazione di circa 700 milioni di euro a livello nazionale). La misura è stata presentata ieri sera in occasione del convegno “Strumenti e opportunità del Pnrr per la sostenibilità in agricoltura”, a cura di Cia Veneto, che si è tenuto in Villa Giovannina a Villorba.

“Sono previste delle maggiorazioni a favore delle piccole e medie imprese e per le aree svantaggiate, con la possibilità di vendita dell’energia prodotta sul mercato, senza il vincolo dell’autoconsumo -ha spiegato il presidente di Cia Veneto, Gianmichele Passarini-. Quest’ultima, peraltro, è sempre stata una battaglia portata avanti dalla Confederazione”. Rispetto al precedente provvedimento la percentuale finanziabile è stata raddoppiata. Con la novità, appunto, dell’autoconsumo condiviso.

“Si tratta di un grande passo che va nella direzione della sostenibilità del comparto -ha aggiunto Passarini- E, nel contempo, è anche un’occasione per abbassare le spese di produzione e di crescita in termini di competitività”. Alla tavola rotonda è intervenuto pure Marco Lupo, direttore Unità di Mission per il Pnrr del Ministero dell’Agricoltura, il quale ha illustrato i fondi messi a disposizione per il primario in Veneto. Nello specifico, i primi bandi hanno finanziato 834 progetti, per un importo complessivo di 58.686.760 euro, per ridurre al minimo il consumo energetico delle attività agroalimentari, migliorandone la produttività e sostenendone la crescita; 62.100.943 euro per incrementare l’efficienza degli agrosistemi irrigui, favorendone la resilienza ai cambiamenti climatici estremi; 24.779.436 euro per ammodernare i mezzi agricoli e 915.226 euro per la riqualificazione dei frantoi. Da ultimo, 31.723.000 euro per lo sviluppo della logistica per i settori agroalimentare, pesca e acquacoltura, silvicoltura, floricoltura e vivaismo. “Si tratta di opportunità imperdibili, che non torneranno più”, ha precisato lo stesso direttore Lupo.

Presente anche Nicola Dell’Acqua, direttore di Veneto Agricoltura e commissario straordinario all’emergenza idrica: “Il futuro sostenibile della filiera passa anche attraverso un sistema di approvvigionamento idrico efficiente, oltre che per l’agricoltura di precisione, che da un decennio sperimentiamo a Veneto Agricoltura: in altri termini, non va sprecata nemmeno una goccia d’acqua”. Fra i primi interventi messi in campo, ha annunciato il commissario, “a luglio inizierà la manutenzione degli invasi di montagna: a cascata, ne beneficerà pure l’agricoltura di pianura”. Infine, Salvatore Feletti, presidente Cia Treviso: “Agli agricoltori diciamo sempre che non possiamo pagare le bollette delle imprese. Tuttavia, siamo tenuti a fornire loro tutte quelle informazioni utili per portare avanti le attività, di modo che via sia una giusta redditività.


Seguici su