Attualità
Olio: da Copa-Cogeca no a vendita sfuso al consumatore finale
18 Maggio 2022

Preoccupazioni in vista della prossima revisione del Regolamento 29/2012 su imballaggio ed etichettatura

Vietare la vendita di olio sfuso al consumatore finale; rendere obbligatorio, per i ristoranti, l’utilizzo di contenitori debitamente etichettati e dotati di tappo che non ne permetta il riutilizzo. A chiederlo è il Copa-Cogeca che ipotizza anche l’estensione dell’obbligo di utilizzo dei tappi sigillati a tutto il settore Ho.Re.Ca europeo e il divieto assoluto della miscelazione dell’olio di oliva con altri oli vegetali.

Opinioni e istanze, queste, che il Copa-Cogeca ha avanzato alla DG Agri in vista della prossima revisione del Regolamento di esecuzione 29/2012 che prevede norme obbligatorie e facoltative in materia di olio d'oliva imballaggio ed etichettatura.

Per il Copa-Cogeca, il regolamento ha contribuito a elevare gli standard di commercializzazione nel corso dell'ultimo decennio garantendo che l'olio d'oliva immesso sul mercato sia standardizzato e di alta qualità e soddisfi le aspettative dei consumatori, oltre a creare condizioni di parità per i produttori europei. Inoltre, ha contribuito in modo sostanziale a migliorare la qualità dell'olio d'oliva, migliorare la consapevolezza dei consumatori al riguardo e ai benefici nutrizionali che fornisce, e creando un clima di fiducia nei confronti dei produttori.

“Siamo estremamente preoccupati -riporta la nota del Copa-Cogeca- della possibilità di consentire la vendita all'ingrosso di olio d'oliva nella fase di vendita al dettaglio. Noi riteniamo che tali piani siano in contraddizione con l'obiettivo generale del regolamento di garantire la globale qualità dell'olio d'oliva sul mercato europeo e si rischia di minare gli sforzi profusi dagli Stati membri e dal settore per garantire il rispetto delle norme di commercializzazione degli oli d'oliva.

L'autorizzazione alla vendita all'ingrosso di olio d'oliva ai consumatori -prosegue- condiziona sicurezza, mercato, rischi reputazionali e di frode senza affrontare adeguatamente le preoccupazioni ambientali. Mentre i produttori europei di olio d'oliva sono pienamente impegnati a fare la loro parte quando si tratta di sforzi di sostenibilità ambientale attraverso la riduzione dei rifiuti di imballaggio al fine di migliorare la sostenibilità complessiva dell'olivicoltura, abbiamo seri dubbi su eventuali benefici che porterebbero le vendite all'ingrosso di olio d'oliva. In effetti, siamo convinti che questa azione creerebbe più problemi che risolverli”.

Poi, il riferimento alla sicurezza “le condizioni alle quali l'olio d'oliva viene offerto ai consumatori venduto sfuso, cioè in contenitori aperti e riutilizzabili, non prevedono né garanzia della qualità del prodotto, né della sua igiene. Perché l'olio d'oliva è un prodotto naturale, sensibile alla temperatura, alla luce e all'ossigeno, garanzie (conservazione al riparo dalla luce e calore, tappi sigillati) devono essere fornite per assicurare che l'aspetto fisico-chimico e le caratteristiche sensoriali del prodotto rimangono intatte e che i consumatori ricevano olio d'oliva della migliore qualità. Consentire la vendita di olio d'oliva sfuso e in bottiglie riutilizzabili -chiosa il Copa-Cogeca- porterà sicuramente a un inadeguato stoccaggio (esposto a luce e calore), ossidazione (contatto con ossigeno) e contatto con batteri”.

I produttori di olio d'oliva, ricorda il Copa-Cogeca: “Hanno fatto di tutto per assicurarsi che la qualità dell'olio d'oliva immesso sul mercato interno o esportato sia ottimale e hanno investito nell'aumento della consapevolezza dei consumatori della sua qualità e dei suoi valori nutrizionali sia all'interno che all'esterno dell'Unione. Questi sforzi, in tandem con il quadro legislativo esistente, hanno generato fiducia nella qualità dell'olio d'oliva e nei produttori. Di conseguenza, la quota di mercato per questo prodotto di alta qualità che è riconoscibile mondiale si è ampliata.

Dunque, la necessità per il Copa-Cogeca, di continui sforzi a livello europeo e nazionale per definire e attuare regole e misure appropriate che mantengano l'alto esistente standard, preservare la qualità ed eliminare le frodi.

Le richieste nel dettaglio:

• Divieto di vendita all'ingrosso di olio d'oliva nei negozi, in considerazione del fatto che le condizioni in cui viene venduto ai consumatori, in particolare in contenitori aperti e ricaricabili, non garantiscono né qualità del prodotto né la sua igiene.

• Rendere obbligatorio per i ristoranti l'utilizzo di contenitori destinati al consumo diretto che sono debitamente etichettati e provvisti di un tappo che non consente lo stacco della bottiglia ricaricato per preservare la qualità del prodotto.

• L'obbligo di sigillare i tappi per l'olio d'oliva dovrebbe essere esteso all'insieme Ho.Re.Ca., per garantire la conservazione della qualità e caratteristiche nutrizionali dell'olio d'oliva

• La miscelazione dell'olio d'oliva con altri oli vegetali dovrebbe essere vietata in modo da mantenere alto lo standard e preservare la qualità del prodotto.


Tags: #europa #MadeinItaly #normative #olio #qualità

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017