20 Novembre 2023 | dal Territorio

Il presidente di Cia in Toscana in visita alle aziende agricole colpite dall’alluvione

#maltempo #agricoltura
Condividi

Sopralluoghi tra Firenze, Prato, Pistoia, Livorno e Pisa insieme ai responsabili Cia regionali

Visita alle aziende agricole alluvionate della Toscana per il presidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani Cristiano Fini.

Accompagnato dal presidente Cia Toscana Valentino Berni e dal direttore Giordano Pascucci, dal presidente Cia Toscana Centro Sandro Orlandini e dal direttore Lapo Baldini, e dalla presidente di Cia Etruria Cinzia Pagni e dal direttore Mauro Cavallini, il presidente Fini ha visto sul campo le conseguenze della forte ondata di maltempo del 2 e 3 novembre, con intere zone della Toscana centrale alluvionate.

“Intanto voglio esprimere una sentito ringraziamento al presidente Fini per sua la vicinanza e per quella della Cia a tutta la nostra comunità -sottolinea Valentino Berni, presidente Cia Toscana-. La situazione che vediamo nelle nostre aziende colpite è molto difficile. I danni sono ingenti, per le imprese florovivaistiche e per tutte le aziende agricole coinvolte, come ha potuto vedere anche il presidente Fini. Siamo impegnati fin dalle prime ore per dare assistenza e supporto alle nostre aziende, auspichiamo ristori e indennizzi veloci e certi per far ripartire la produzione quanto prima. Due giorni fa, inoltre, abbiamo firmato insieme alla Regione Toscana un accordo di solidarietà per devolvere, volontariamente, un’ora di lavoro”.

Nella mattinata, in particolare, la visita nelle province di Firenze, Prato e Pistoia, nelle zone di Campi Bisenzio, Montalbano, Agliana e Quarrata, dove ci sono stati danni enormi a strutture, macchinari, produzioni agricole e vivaistiche di tutta l’area.

Nel pomeriggio il passaggio nelle aree colpite delle province di Pisa e Livorno, in aziende di Pontedera e Collesalvetti: anche in questo caso il presidente Fini ha potuto vedere con i propri occhi le perdite importanti, parlando con i titolari delle aziende danneggiate.

 


Seguici su