18 Maggio 2021 | News

Fisco: Caf-Cia, serve chiarezza su fase transitoria assegno unico

#assistenza #burocrazia #istituzioni #servizi
Condividi

Evitare caos per famiglie e operatori

"Dal prossimo luglio l'assegno unico universale entrerà in vigore per i lavoratori autonomi e disoccupati che oggi non hanno accesso agli assegni familiari per poi essere estesa, nel 2022, a tutti gli altri lavoratori. Questa fase transitoria servirà a gettare le basi per l’avvio della misura a regime dal 2022, senza toccare chi già riceve l'assegno familiare e le detrazioni fiscali per i figli a carico. Lo slittamento è comprensibile, dato il ritardo con cui si è arrivati all’approvazione della legge delega, tuttavia urge chiarezza su regole e aspetti pratici". A parlare è il presidente di CAF-Cia, Alessandro Mastrocinque evidenziando i seguenti interrogativi urgenti: "Come si potrà accedere alla misura transitoriamente prevista dal 1 luglio per i lavoratori autonomi e i disoccupati? Con quali regole e tramite quali servizi?". E inoltre: "L’assegno familiare esistente (ANF) continuerà a essere erogato e, quindi, a dover essere richiesto da tutti i cittadini che ne hanno i requisiti fino all’emanazione dei decreti attuativi per l’assegno unico (cioè fino a dicembre 2021)?".

Occorrono risposte chiare e tempestive -prosegue la nota del CAF-Cia a firma Mastrocinque-. Occorrono sia per tutti i cittadini interessati, sia per gli intermediari che dovranno collaborare con la pubblica amministrazione per la presentazione delle domande e delle certificazioni Isee propedeutiche al riconoscimento dell’assegno unico.

"L’attuale incertezza -spiega il presidente di CAF-Cia- rischia di mettere in serie difficoltà operative gli interlocutori coinvolti. Non possiamo gestire in emergenza ciò che poteva e può essere pianificato in maniera più efficace. Allo stesso tempo, milioni di cittadini devono sapere quale sarà il sostegno economico su cui faranno affidamento (l’assegno al nucleo familiare o l’assegno unico), in un periodo già economicamente difficile come quello che stiamo vivendo".


Seguici su