30 Maggio 2023 | News

Dl Siccità: Cia, approvazione norma sulle TEA svolta storica per agricoltura

#innovazione #agricoltori #agricoltura #ricerca
Condividi

Via libera a emendamento su sperimentazione in campo. Il presidente Fini: soluzione per tutelare produttività e rispondere a crisi climatica, accelerare anche in Ue

Una svolta storica per il mondo agricolo italiano, necessaria a sviluppare piante più green e resistenti ai cambiamenti climatici e alle malattie, tutelando sia la produttività che la sostenibilità del settore. Così Cia-Agricoltori Italiani commenta con soddisfazione l’approvazione all’unanimità, nell’VIII e IX Commissione riunite del Senato, dell’emendamento al Decreto Siccità che consente la sperimentazione in campo delle Tecniche di Evoluzione Assistita (TEA).

Il settore primario ha bisogno di accrescere la quantità e la qualità delle produzioni, assicurare un reddito agli agricoltori e, al contempo, realizzare la transizione verde e far fronte alla crisi climatica -spiega il presidente nazionale di Cia, Cristiano Fini-. D’altra parte, solo nell’ultimo anno gli eventi estremi sono raddoppiati, tra siccità, gelate, alluvioni, con un aumento di cinque volte delle perdite di raccolto di frutta e verdura e, ormai, i fattori climatici da soli spiegano tra il 20% e il 49% delle fluttuazioni del rendimento agricolo”.

Per rispondere a tutto questo, continua Fini, “è indispensabile cogliere la strada della ricerca e dell’innovazione genetica in particolare. Ringraziamo, quindi, i tre primi firmatari delle proposte di legge sulle TEA, Raffaele Nevi, Luca De Carlo e Gian Marco Centinaio, grazie ai quali l’Italia può tornare protagonista delle biotecnologie agricole, diventando il primo Paese in Europa ad avviare la sperimentazione in campo delle TEA. Contemporaneamente, è un segnale forte che diamo a Bruxelles per accelerare sulla proposta di regolamento in materia, altrimenti si corre il rischio di bloccare l’iter del provvedimento”.

Intanto, conclude il presidente di Cia, “auspichiamo tempi brevi per il percorso attuativo, così da poter mettere le tecniche di miglioramento genetico al servizio del settore e difendere, di più e meglio, le filiere agricole Made in Italy”.


Articoli correlati