dal Territorio
Cinghiali: Cia Potenza-Matera, urgente l'approvazione del piano di abbattimento
21 Novembre 2023

Per fermare l'emergenza dare seguito a quanto concordato al Tavolo con l'Assessore Galella

“Il fondo di 200 mila euro a favore dei Comuni della Basilicata per l’acquisto di trappole destinate alla cattura dei cinghiali, per quanto rappresenti un lodevole tentativo di affrontare l’emergenza cinghiali, non risolve il problema. E’ necessario accelerare l’approvazione del piano di abbattimento degli ungulati così come concordato al Tavolo con le associazioni di categorie e l’assessore Galella”. Così Cia-Agricoltori Potenza-Matera sottolineando “l’urgenza di dare corso, prima possibile, a tutto quanto previsto dal piano per affrontare in modo organico, e con tutti gli strumenti disponibili, l’emergenza che vivono, in primo luogo, i titolari delle aziende agricole, automobilisti e cittadini”.

Per Cia Potenza e Matera “la presenza da tempo dei cinghiali persino a Potenza, i continui incidenti stradali provocati (sono stati più di 300 in un anno), il costante allarme in centri abitati testimoniano che lo sforzo compiuto con i 3 mila cinghiali abbattuti, con la tecnica della girata e dell'appostamento fisso, nel primo semestre del 2023, non è basta. Bisogna il prima possibile riequilibrare il rapporto popolazione faunistica territori e si può fare solo intensificando le attività di caccia e prelievo degli ungulati".

Nel ricordare che gli importi annuali dei danni all’agricoltura sono oscillati negli ultimi anni tra 14,6 e 18,7 milioni di euro, con una media annuale pari a oltre 17 milioni di euro e solo in Basilicata tra 1,5 e 2 milioni di euro l’anno a cui aggiungere i danni provocati da incidenti automobilistici, Cia Potenza-Matera insiste sulla rapida definizione delle procedure di affidamento del servizio integrato e nelle azioni previste e da attivare in modo da arginare danni e pericoli sempre più ingenti a scapito di aziende agricole e zootecniche e cittadini. Si tratta di recuperare il ritardo accumulato nell’attuazione di misure che dovevano essere realizzate già da tempo.

Tra le azioni strategiche proposte e previste ci sono : il corrispettivo ai cacciatori che dovrebbe consentire di allargare la platea degli esecutori materiali degli abbattimenti attraverso l’assegnazione di un ristoro per le spese sostenute; la fornitura di "chiusini" agli agricoltori con incentivo per l’installazione e la gestione; la predisposizione di un servizio di raccolta dei cinghiali abbattuti; la collaborazione con il Servizio Veterinario fondamentale per un efficiente monitoraggi sanitario; la dislocazione di un numero congruo di frigo-celle; mezzi per attività logistiche e di raccolta delle carcasse; attivazione di centri di lavorazione delle carne di cinghiale. Per Cia, è importante poter contare su un programma organico di interventi anche per effetto di situazioni straordinarie legate agli areali dei Comuni 29 interessati dalla PSA, territori nei quali bisogna agire secondo specifiche e più rigide regole per abbattimento e prelievi. Secondo gli Agricoltori lucani si può e si deve fare di più, ne va del futuro della nostra agricoltura e del reddito di migliaia di aziende.


Tags: #gestionefaunaselvatica #agricoltura #allevamenti #territorio

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017