06 Marzo 2023 | dal Territorio

Cinghiali: Cia Piemonte, serve l'immediato impiego dell'esercito

#animaliselvatici #agricoltura #emergenza
Condividi

La richiesta del presidente Carenini al commissario nazionale per l’emergenza peste suina, Vincenzo Caputo

"Chiediamo che i problemi straordinari, come il proliferare della fauna selvatica ormai palesemente fuori controllo, siano affrontati con strumenti straordinari, perché fino ad ora quelli ordinari non sono bastati. Chiediamo al nuovo commissario nazionale per l’emergenza della peste suina di disporre l’uso dell’esercito per il contenimento dei cinghiali in Piemonte e Liguria".

Cosi il presidente regionale di Cia-Agricoltori Italiani del Piemonte, Gabriele Carenini, anticipa la principale delle richieste che avanzerà al nuovo commissario nazionale per l’emergenza peste suina, Vincenzo Caputo, in attesa del primo incontro ufficiale.

"Il dilagare incontrastato dei cinghiali in campagna -continua Carenini- sta causando danni ingenti all’agricoltura. Con l’inizio della stagione delle semine del mais, interi raccolti rischiano di andare compromessi, se non completamente distrutti, così come lo scongiurato allargarsi del contagio della peste suina metterebbe in ginocchio uno dei comparti agroalimentari più consistenti del nostro Paese. Il grido di allarme degli agricoltori non può più cadere inascoltato, bisogna che le autorità competenti intervengano al più presto, senza più tentennamenti, abbattendo il maggior numero di cinghiali possibile. A questo punto, crediamo che l’unica soluzione possibile sia l’impiego dell’esercito".


Seguici su