dal Territorio
Cia Lombardia: serve piano d'emergenza per salvare filiere zootecniche
14 Marzo 2022

Rivedere subito la Pac e alzare Iva pagata ad agricoltori e relative percentuali di compensazione per evitare il collasso del settore

Il conflitto in Ucraina, che non sembra ad oggi di facile e rapida soluzione, sta avendo effetti molto gravi sui mercati agricoli e specialmente quello del mais, elemento fondamentale per la produzione mangimistica. Assolzoo, l’associazione nazionale dei produttori di alimenti zootecnici, ha segnalato che le scorte di materie prime per la produzione di mangimi basteranno per un mese circa, dopo di che si rischierà di dover abbattere gli animali nelle stalle e contestualmente bloccare la produzione di alimenti di origine animale come carni bovine, suine e avicole, latte, burro, formaggi e uova. Una scelta drammatica ma che rischia di essere inevitabile, quella dell’abbattimento. “Smettere di produrre latte e derivati e vendere i capi può far bene al mercato della carne, ma è una strada figlia dell’emergenza e che porterà a situazioni ben peggiori sul lungo termine” dichiara Paolo Maccazzola, presidente di Cia-Agricoltori Italiani Lombardia.   

Un vero aiuto per gli imprenditori agricoli potrebbe essere una revisione delle Pac, come spiega il presidente: “La Pac 2022 va ricalibrata, serve un piano di emergenza efficace. Parlare di greening e Farm to fork non ha alcun senso in questo momento, sospendere invece il set aside, la messa a riposo delle superfici agricole, potrebbe essere una prima ma efficace soluzione per garantire approvvigionamenti e tenuta del settore agricolo, che altrimenti rischia il collasso”.

Anche l’aumento della percentuale dell’iva sul latte pagata dall’industria agrocasearia e la relativa compensazione, che dovrebbe passare da un’aliquota del 10% al 20% , permetterebbe agli imprenditori agricoli e agli allevatori di avere un sostegno immediato per sopperire ai rincari energetici e dei mangimi. Spiega Maccazzola: “Sarebbe un tipo di intervento molto efficace, più che eventuali aiuti statali come può essere la sospensione dei mutui. Lo Stato deve invece fare pressione sulla Gdo per aggiornare i listini dei mercati” continua il Presidente,  “per i consumatori ci sarebbero degli aumenti dei prezzi della spesa, ma è un piccolissimo sacrificio che permetterebbe però al settore agricolo di sopravvivere”.

Una situazione, quella dell’agricoltura, che riguarda non solo i diretti interessati ma avrà ripercussioni su tutta l’Italia. “La borsa granaria ha visto un aumento dei prezzi delle materie di circa il 10% totali in una settimana, cifre folli che se da un lato possono essere favorevoli alla vendita delle scorte, dall’altro segnalano un grave pericolo di mancanza di prodotti utili a mantenere vive le attività. Senza agricoltura e allevamento l’Italia rischia contraccolpi gravi a livello economico e sociale” conclude Maccazzola.


Tags: #agroalimentare #emergenza #zootecnia

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017