dal Territorio
Cia Basilicata: agricoltori e trattori pronti per SOS da Scanzano Jonico
17 Marzo 2022

Conferenza stampa per la mobilitazione di domenica. Ci sarà Scanavino. Istituzioni regionali firmeranno documento della confederazione

"Sarà una manifestazione per esprimere la forte preoccupazione del mondo agricolo meridionale per le ripercussioni della guerra in Ucraina sull’economia agricola italiana". E' stato questo il messaggio della conferenza stampa da Cia Basilicata che ieri nella sede regionale ha annunciato ufficialmente la mobilitazione di domenica 20 marzo a Scanzano Jonico. 

"Gli agricoltori del Sud insieme alle Cia di Basilicata, Calabria, Sicilia, Campania, Molise e Puglia lanceranno un nuovo SOS" il monito condiviso e promosso dai presenti, dal diretto Donato Di Stefano ai presidenti di Potenza Giannino Lorusso e Matera Giuseppe Stasi, Giovanna Perruolo (direttrice Potenza) e con il presidente nazionale di Cia, Dino Scanavino in collegamento. 

Sul tavolo, del resto, come già commentato a livello nazionale e nella manifestazione di Rossiglione, in Liguria, l'impatto sull'approvvigionamento di materie prime, il lavoro in perdita delle imprese del settore con costi di produzione alle stelle. Senza dimenticare l'annosa emergenza fauna selvatica.

Nel frattempo, in Cia Potenza si lavora per la migliore riuscita della manifestazione. Inizierà alle 10 con l’arrivo degli autobus degli agricoltori calabresi, siciliani, campani, pugliesi e molisani, oltre che di tutte le aree della Basilicata. Previsti tanti trattori e mezzi agricoli. Il concentramento è previsto in via Salvo D’Acquisto con un corteo per le strade principali della città jonica. La manifestazione si concluderà alle ore 13 in piazza del Commercio con l’intervento del presidente nazionale Scanavino che in conferenza stampa ha espresso soddisfazione per il livello di mobilitazione che la Cia sta organizzando nelle regioni e sui territori interpretando, non solo l’esasperazione degli agricoltori, ma soprattutto anche le legittime proteste dei cittadini-consumatori sui rincari di beni di prima necessità.

"Da Scanzano, dalla manifestazione del Sud -ha detto Scanavino- intendiamo rilanciare la nostra idea di Patto con le comunità locali perché noi continuiamo a garantire cibo buono e sano, ma abbiamo bisogno che Governo e istituzioni intervengano il più rapidamente possibile. Alcune nostre proposte tra le quali la moratoria sui mutui per garantire liquidità alle imprese, il riconoscimento del ruolo delle aziende agricole produttrici di energia, l’adeguamento del prezzo del latte alla stalla -ha spiegato- stanno trovando soluzioni nelle ultime ore e diamo atto al Ministro Patuanelli di ascolto e di approfondimento delle questioni più urgenti. Questo però non basta -ha aggiunto-. Servono misure più efficaci".

Il direttore Donato Distefano ha riferito della condivisione da parte di Upi, Anci, rappresentanti istituzionali della regione del documento nazionale Cia con le rivendicazioni e la disponibilità a firmarlo in occasione della manifestazione di Scanzano. Un primo incontro si è svolto nella sede Cia a Potenza tra il direttore Distefano e il presidente della Provincia di Potenza Rocco Guarino che ha espresso la vicinanza dell’ente al mondo agricolo e la condivisione del documento di rivendicazioni.


Tags: #manifestazione #agricoltori #agricoltura #commercio #mercati #prezzi

Mondo CIA

Copyright © 2017 Cia, All Rights Reserved. Cia-Agricoltori Italiani. Via Mariano Fortuny, 20 - 00196 Roma tel. 06 326871 cf: 80213630587 - Created by Web Agency Interact SpA 2017