19 Aprile 2023 | dal Territorio

Cia Alessandria: in attesa ordinanza su Psa, cordata con Anuu e cinghialisti

#gestionefaunaselvatica
Condividi

L’incontro in Cia per valutare future azioni da intraprendere

In attesa dell’uscita della nuova ordinanza da parte del Commissario straordinario per la PSA Vincenzo Caputo che definisca le azioni permesse e la strategia di risoluzione delle criticità, si è svolto questa mattina un nuovo incontro nella sede provinciale Cia Alessandria. A partecipare, oltre al direttore Cia Paolo Viarenghi, sono stati anche il presidente Anuu Migratoristi Piemonte Alessio Abbinante e Anuu provincia Alessandria Paolo Pala, il coordinatore Squadra Cinghiali AL1 e vicepresidente ATC AL1 Davide Diodati, il coordinatore Gisc (Gruppo interregionale squadre cinghiali) Giorgio Storace in rappresentanza delle squadre operative AL1, AL3 e AL4. Al tavolo, quindi, erano rappresentate le squadre della caccia al cinghiale AL1, AL3 e AL4 ovvero di tutto l’Alessandrino, considerando che l’ATC AL2 - storicamente zona di eradicazione - non è suddiviso in zone.

Questa riunione segue l’incontro di alcuni giorni fa durante il quale Cia ha condiviso il documento inviato a Roma da Anuu con richieste e suggerimenti per arrivare all’eradicazione del cinghiale nella zona rossa. Anche il Gisc ha intenzione di condividere formalmente il documento, dopo un passaggio interno di confronto nel Gruppo.

I partecipanti all’incontro, ancora una volta non interpellati dal Commissario straordinario, ribadiscono che la mancata condivisione di informazioni e strategia non sia la strada corretta da seguire, come già evidenziato in passato. Nonostante le Organizzazioni ritengano sbagliato questo tipo di approccio, Cia, Anuu, Gisc e le squadre di cinghialisti restano speranzosi sul recepimento da parte del Commissario straordinario dei suggerimenti e delle proposte formulate.

In caso di provvedimenti diversi dall’eradicazione del cinghiale in zona rossa nell’ordinanza di prossima uscita, tutti i soggetti riuniti si incontreranno nuovamente entro pochi giorni per valutare e definire azioni da intraprendere e iniziative anche di carattere pubblico.


Seguici su