03 Luglio 2023 | News

Chiude il progetto ASeS-Cia “100 Passi”. Una tappa di valore per più legalità

#agricoltura_sociale #agricoltori #legalità #solidarietà
Condividi

Da Cascina Contina, dall'area di Gaggiano sequestrata alla mafia, il punto sui tre anni di progetto per inclusione sociale e agroecologia

Dopo tre anni di intenso e proficuo lavoro, il progetto "100 Passi" di ASeS, la Ong di Cia-Agricoltori Italiani, è giunto al termine e ha fatto il punto con l'incontro nel suo luogo speciale e simbolico, "Cascina Contina", nel comune di Gaggiano nel milanese. 

Il progetto "100 Passi" ha rappresentato un'importante iniziativa che ha unito l'inclusione sociale e l'agroecologia, focalizzandosi su tematiche di grande rilevanza per la comunità e l'ambiente. Il percorso ha avuto un inizio particolarmente difficoltoso in quanto è corrisposto al blocco di tutte le attività a causa della pandemia, ma questo non ha scoraggiato i partner di progetto che hanno, invece, trovato le soluzioni per proseguire con efficacia.

Inizialmente, nel 2015, la cooperativa Contina ha avuto in gestione da parte del Comune di Gaggiano un'area sequestrata alla mafia denominata Bosco dei 100 Passi. Questo  è stato il primo passo concreto verso la valorizzazione di un territorio precedentemente destinato a fini speculativi. Successivamente, è stata sottoscritta una convenzione tra la Cooperativa, l'associazione Libera contro le mafie e il Comune di Gaggiano, al fine di stabilire una collaborazione sinergica per restituire ai cittadini e alla fruizione un bene “comune”.

Una delle componenti chiave del progetto è stato il recupero di un'area specifica del Bosco dei 100 Passi, denominata Prato della memoria. Questo luogo è stato destinato alla creazione di un "Frutteto Inusuale", un frutteto simbolico che ha puntato sulle specie da frutto della tradizione orticola lombarda. Oltre a essere un'attrazione visiva, il frutteto ha svolto un ruolo fondamentale nell'organizzazione di attività educative e didattiche in collaborazione con il Comune di Gaggiano e le scuole, promuovendo la sensibilizzazione sulle tematiche agricole,  ambientali e di educazione alla legalità.

Un altro aspetto centrale del progetto è stato quello di valorizzare le produzioni agroecologiche e migliorare le coltivazioni orticole già presenti in Cascina Contina. A tal fine sono state potenziate, attraverso le risorse di progetto, le attrezzature agricole, il laboratorio di trasformazione dei prodotti, il frutteto e l'aula didattica.

Il Progetto 100 passi ha coinvolto una serie di partner e attori chiave che hanno contribuito con le loro competenze e risorse per il successo dell'iniziativa. Oltre ad ASeS-Cia come capofila ricordiamo la Cooperativa Contina come beneficiaria, l'Associazione 100 Cascine e il Comune di Gaggiano, tutti con l'obiettivo comune di promuovere l'inclusione sociale, l'agroecologia e lo sviluppo sostenibile nel territorio.

Molti i momenti significativi, durante la giornata conclusiva, come la visita collettiva per osservare le opere di tipo fruitivo e produttivo realizzate; un confronto sulle esperienze dei ragazzi che hanno raccolto le storie delle vittime di mafie, attualmente consultabili su una pagina web dedicata alla quale si potrà accedere grazie a un QR code presente su ogni "albero della memoria" collocato nel bosco;  la presentazione di interventi realizzati direttamente nella Cooperativa come l’ampliamento dell'orto, l'acquisto di macchinari agricoli, la creazione di un laboratorio di trasformazione e l'acquisizione di attrezzature per la sala riunioni oltre alla spiegazione dei risultati ottenuti nel campo della formazione e dell'inserimento lavorativo.

L’ultimo appuntamento con il progetto "100 Passi" è stato un importante momento di sintesi e di valorizzazione di un impegno di lungo termine volto a promuovere lo sviluppo agricolo, la formazione e l'inclusione sociale sul territorio. 


Seguici su