05 Aprile 2023 | dal Territorio

Apicoltura: Cia Basilicata, approvata graduatoria avviso Regione

#api #bando
Condividi

Il commento del presidente dell'associazione apicoltori lucani della Confederazione Di Nuzzo

Con determinazione dirigenziale pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 18 del 1 aprile scorso è stata approvata la graduatoria (annualità 2023) per il "Sottoprogramma Apistico Regionale 2023/2027”. Nicola Di Nuzzo, presidente dell’Associazione Apicoltori Lucani-Cia -che conta 150 associati con un totale di 13.000 alveari pari a circa il 70% del totale lucano- ha espresso soddisfazione per l’ importante affluenza al bando (48 pratiche).

"I fondi -sottolinea Di Nuzzo- sono stati ripartiti in maniera corretta e sono stati tutti impegnati (evento raro), inoltre sono state ammesse e finanziate quasi tutte le domande, a parte la misura relativa all’acquisto delle arnie dove le domande sono state maggiori del impegno. Sono fiducioso in uno scorrimento della graduatoria, come è successo altri anni, grazie ad una integrazione a livello nazionale che ha permesso di finanziare tutte le domande. Ritornando ai numeri -aggiunge- sono valori importanti che sottolineano un comparto in piena crescita con imprenditori che vogliono investire in questo settore. E questo importante strumento ben organizzato dalla Regione da senza dubbio una spinta maggiore alla crescita" .

Gli aiuti del Bando sono concessi per la realizzazione di interventi destinati a migliorare le condizioni di produzione e commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura attraverso la riduzione dei costi di produzione, all'ottimizzazione della lotta agli aggressori e delle malattie dell’alveare, nonché all'incremento del livello professionale degli addetti al settore ed infine a favorire il trasferimento delle conoscenze dall’ambiente scientifico a quello produttivo. La disponibilità finanziaria, quale quota di contribuzione pubblica, per la realizzazione delle attività previste dal bando, ammonta ad poco meno di 210mila euro. Il programma definisce gli interventi e le azioni della prima annualità del sottoprogramma quinquennale 2023-2027 approvato con D.G.R. n. 913/2022 considerate le risorse assegnate, opportunamente rimodulate e condivise con le principali associazioni degli apicoltori e specificatamente l’Associazione degli apicoltori lucani, il Consorzio Regionale di Tutela e Valorizzazione del miele lucano e con OP Conapi. Gli interventi che la Regione Basilicata prevede di attivare per la campagna 2023, di concerto con le associazioni, hanno le seguenti finalità: offrire assistenza tecnica alle aziende apistiche riguardo alle metodologie di lotta alla varroa e alle altre patologie e all’ottenimento di mieli di qualità; - migliorare l’efficienza gestionale degli allevamenti apistici; - incrementare il livello tecnologico delle aziende apistiche; incentivare l’acquisto di attrezzature e sistemi di gestione per il miglioramento delle condizioni di lavoro, per la valorizzazione delle produzioni destinate al commercio; favorire il ripopolamento del patrimonio apistico lucano; favorire l’acquisizione di informazioni utili alla caratterizzazione del miele sulla base dell’origine botanica e geografica delle produzioni apistiche.

Il presidente Nicola Di Nuzzo sottolinea che dopo la terribile annata 2021 con drastiche perdite dovute alle gelate primaverili, le produzioni 2022 sono state discrete, condizionate dal surriscaldamento globale che ha portato ad una riduzione dei mieli estivi ma un aumento delle scorte invernali. L’annata conclusa ha evidenziato un aumento della produzione che rientra nelle medie, "ma -aggiunge- possiamo segnalare una riduzione dei ricavi per gli apicoltori lucani. Il miele, purtroppo ancora considerato un bene di 'secondaria importanza', ha registrato un aumento irrisorio di prezzo (da 0,50 a 2 euro al kg)".


Seguici su