25 Ottobre 2022 | Nazionale

Cia con Euromontana per la XII Convention Europea della Montagna

#ambiente #areeinterne #europa #governodelterritorio #sostenibilità #territorio
Condividi

La tre giorni di visite studio e conferenze nel Parco della Sila. Interverrà il presidente Fini

Innovazione e nuove tecnologie per la montagna del futuro. Sotto lo slogan “Smart Mountains” approda in Calabria, nel Parco Nazionale della Sila, la XII Convention Europea della Montagna, organizzata da Euromontana in collaborazione con Cia-Agricoltori Italiani.

Per tre giorni, dal 25 al 27 ottobre, Camigliatello Silano, in provincia di Cosenza, si trasforma nella “casa” delle aree montane di tutta Europa, ospitando la manifestazione internazionale che ogni due anni riunisce i più importanti stakeholder delle terre alte.

Centinaia di partecipanti, tra cui istituzioni europee e nazionali, tecnici ed esperti del mondo accademico, oltre a tanti imprenditori locali, si incontreranno per costruire insieme soluzioni innovative alle nuove sfide economiche, ambientali e sociali, partendo da settori chiave come l’agricoltura e il turismo, e fornire le basi per la creazione di politiche pubbliche più attive, integrate ed efficaci con al centro le aree montane e la qualità della vita di chi le popola. Obiettivo ultimo: definire una strategia di sviluppo sostenibile per montagne “smart” entro il 2050.

Patrocinata dal Mipaaf, la XII Convention Europea della Montagna parte martedì 25 ottobre, alle ore 8:30, con le visite studio nel Parco Nazionale e Riserva della Biosfera della Sila, mentre alle 18, presso l’Edificio Nava della Sila, spazio all’Assemblea generale di Euromontana.

Mercoledì, 26 ottobre, alle ore 9:30, sempre nell’Edificio Nave della Sila, l’apertura ufficiale della XII Convention, con il benvenuto di Juanan Gutiérrez Lazpita, presidente di Euromontana e gli interventi di: Cristiano Fini, presidente Cia-Agricoltori italiani; Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria; Francesco Curcio, presidente del Parco Naturale della Sila.

A seguire, sessioni di dibattito costruite su specifici quesiti: “Come possono le politiche europee sostenere un approccio più intelligente nelle aree montane?” Interverranno: Juanan Gutiérrez Lazpita, presidente di Euromontana; Elisa Ferreira, commissario per la Coesione e le Riforme; Ole Gustav Narud, segretario di Stato presso il Ministero del Governo locale e dello Sviluppo regionale Norvegia; Herbert Dorfmann, deputato al Parlamento Europeo e membro dell'Intergruppo per le Aree Rurali, Montane e Remote & Villaggi Intelligenti; Władysław Ortyl, maresciallo della Regione Podkarpackie, Polonia, e membro del Comitato europeo delle Regioni; Roberto Berutti, membro del Gabinetto del Commissario europeo per l'Agricoltura Janusz Wojciechowski; Giuseppe Blasi, capo di Dipartimento delle Politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale del Mipaaf.

Dalle 14 “Come una gestione intelligente può contribuire a creare aree montane orientate al futuro?” Gestione specifica nelle montagne dell'UE - Panoramica delle buone pratiche in diversi Paesi dell'UE con Stefano Sala - UNIMONT, Università degli Studi di Milano e Round table intorno a “Come possiamo utilizzare nuovi processi partecipativi per progettare e attuare strategie di sviluppo territoriale più intelligenti?”. Relazioni di: Tom Jones, presidente dell'Alleanza delle Comunità Rurali Europee (ERCA); Giulia Paoletti, Eurac Research: la nuova Bauhaus europea delle montagne; Idoia Arauzo González, coordinatrice dell'Unità di Dinamizzazione e Sviluppo della Comunità di Lavoro dei Pirenei e un rappresentante del progetto Smart Villages.

Dalle 16 “Come sviluppare soluzioni innovative per una migliore qualità della vita in montagna?” Condivisione di buone pratiche in tre workshop paralleli: Smart living, Occupazione intelligente e mobilità intelligente e pulita. Dichiarazione finale della Convenzione europea della montagna.

Giovedì 27 ottobre, dalle ore 9, la quarta sessione “Come possono la ricerca e l'innovazione contribuire ad aumentare l'attrattività e la resilienza delle aree montane?” Le relazioni: “Ricerca e innovazione come motori per avere aree rurali vivaci, sostenibili e attraenti” con Enrique Nieto, AEIDL; “Come sviluppare l'innovazione sociale nelle aree rurali emarginate? Politiche ed esempi pratici” a cura di Bill Slee, progetto SIMRA; “Smart Paesi: tecnologie per la resilienza climatica ed energetica, Villaggio di Cozzano, Corsica” con Thierry Antoine-Santoni, Pascal Paoli Università della Corsica; “Comprendere i fattori di cambiamento nelle aree montane per migliorare la resilienza: risultati del progetto MOVING” di Mar Delgado-Serrano, Università di Cordoba e “Un polo di innovazione per lo sviluppo della montagna” con Marc Pons, Andorra Ricerca e Innovazione

Alle 10.50 la quinta sessione “Quali strumenti economici e quali settori incoraggiare?" Condivisione di buone pratiche in tre workshop paralleli: Smart Economy, Transizione digitale e Gestione intelligente delle risorse naturali.

La chiusura della Convention, al via dalle 12:50, partirà con il focus “Le misure e le azioni per la montagna previste nel PSR Calabria” a cura di Giacomo Giovinazzo, Direttore Generale Dipartimento Agricoltura e Autorità di Gestione del PSR Calabria. Seguirà l'intervento del Presidente dell'INPS, Pasquale Tridico, su "La nuova figura professionale: il pastore 4.0" e i saluti finali di Gianluca Gallo, Assessore all'Agricoltura della Regione Calabria, e di Nicodemo Podella, Presidente di Cia Calabria. Infine, spazio alla Dichiarazione di Euromontana con i messaggi chiave della Convention, a cura di Juanan Gutierrez, Presidente di Euromontana e Guillaume Corradino, Direttore di Euromontana.

Per informazione sul programma e sulle iscrizioni, clicca QUI

 


Seguici su