11 Giugno 2023 | dal Territorio

“Peste suina. Piano per la salvaguardia del settore primario". Evento con Cia Alessandria

#allevamenti #animaliselvatici #salute #sicurezza
Condividi

L'incontro organizzato da Anuu Migratoristi

Anuu Migratoristi Piemonte organizza un convegno dal titolo “Peste suina africana – Il piano operativo per la salvaguardia del Settore Primario piemontese”, che si svolgerà domenica 11 giugno prossimo, alle ore 17:30 nell’Auditorium di Ottiglio (AL). L’obiettivo è presentare le modifiche al piano di azione studiate insieme a Cia-Agricoltori Italiani Alessandria, già presentate all’incontro svolto con il Commissario locale Giorgio Sapino.

Anuu e Cia Alessandria chiedono una estensione significativa dell’area in cui è possibile utilizzare i cani da seguita in girata, in quanto unica forma di controllo che può portare ad abbattimenti significativi.

Relatori del convegno saranno: Alessio Abbinante, presidente regionale Anuu Migratoristi Piemonte e responsabile Cultura rurale Fratelli d’Italia provincia di Alessandria, Federico Riboldi, sindaco di Casale Monferrato e presidente provinciale Fratelli d’Italia Alessandria, Enzo Amich, deputato Fratelli d’Italia, Paolo Bongioanni, capogruppo Fratelli d’Italia Regione Piemonte, Claudio Leone, presidente III Commissione Regione Piemonte, Gabriele Carenini, presidente Cia Piemonte, Pietro Fiocchi, eurodeputato Fratelli d’Italia. A introdurre sarà il presidente provinciale Anuu Paolo Pala, sarà presente anche il presidente nazionale Anuu Marco Castellani.

"Anuu e Cia sono compatti nel proseguire insieme il percorso, tutte le nostre squadre di cacciatori sono pronti a intervenire -dichiara Abbinante-, ma siamo bloccati dalla burocrazia e dai permessi gestionali. Chiederemo al Commissario straordinario Vincenzo Caputo un nuovo confronto e, se necessario, interesseremo i Ministri per accoglierli sul territorio. Il prossimo mese di settembre riaprirà il calendario venatorio, ad essere messi in grave difficoltà, oltre agli imprenditori agricoli, sono i cacciatori e anche le aziende faunistiche".


Seguici su